giovedì 15 novembre 2018

CONVEGNO DI CHIUSURA DELLA MOSTRA UNO SGUARDO DAL LITORALE - Festival del Libro della Grande Guerra

Domenica 18 novembre dalle 10, il convegno di chiusura della mostra "Uno sguardo dal litorale", anche nell'ambito del Festival del Libro della Grande Guerra.

Nella sala del Consiglio Comunale - Dolina 270 - sede Municipale
V dvorani občinskega sveta Občine Dolina - Dolina 270

PROGRAMMA – PROGRAM

Saluti delle autorita’ - uvodni pozdrav

Stefan Wedrac:
Il trattato di San Germain e la cura dei cimiteri militari della Prima Guerra Mondiale da parte della Repubblica Austriaca
Saintgermainska pogodba in skrb za vojaška pokopališča iz prve svetovne vojne s strani Repubilke Avstrije

Pavel Car:
Slovenci – junaki avstrijskih armad in njihova odlikovanja
Sloveni, eroi dell’esercito austriaco e le loro decorazioni militari

Marco Mantini:
Dalla Galizia all'Isonzo. La gestione cimiteriale sul campo di battaglia dopo Caporetto
Od Galicije do Soče. Upravljanje pokopališč na bojiščih po preboju Soške fronte

Roberto Todero:
Un soldato non è che un uomo rubato alla sua abitazione
Vojak je zgolj človek ukraden iz svojega doma

Stefan Wedrac (Judenburg 1982). Ha studiato a Vienna laureandosi in storia nel 2007 e ottenendo il dottorato di ricerca nel 2013; ha collaborato con l’Università di Vienna, con il fondo per il risarcimento alle vittime del nazionalsocialismo, della cassa malati del territorio di Vienna e a due progetti del Fonds zur Förderung der Wissenschaftlichen Forschung ; attualmente collaboratore nell’Istituto di studi di storia moderna e contemporanea della Accademia Austriaca delle Scienze e ha un incarico nel centro di studi musicali IES di Vienna e nella Wake Forest University.
Stefan Wedrac (Judenburg 1982). Leta 2007 je na Dunaju diplomiral iz zgodovine in nato leta 2013 tudi doktoriral. Sodeloval je z Dunajsko univerzo, s fundacijo za odškodnine žrtvam nacionalsocializma in z dvema projektoma Fonds zur Förderung der Wissenschaftlichen Forschung. Tenutno je sodelovec Inštituta za študije moderne in sodobne zgodovine avstrijske akadamije znanosti ter sodeluje s centrom za glasbene študije IES z Dunaja in z Wake Forest University.

Pavel Car (Lubiana, 1959) ha concluso gli studi di informatica presso la Facoltà d’ingegneria elettronica a Lubiana. Ha iniziato raccogliere le decorazioni militari e interessarsi alla storia già mentre frequentava la scuola superiore. Il suo particolare interesse è rivolto alle decorazioni e le uniformi del Regno di Serbia e della Jugoslavia e della monarchia Austro-Ungarica. Al momento sta preparando la tesi di dottorato in storia presso la Facoltà di filosofia di Lubiana. L'argomento della sua tesi sono, naturalmente, le decorazioni militari. Insieme al co-autore Tomislav Muhić di Zagabria ha scritto il libro Decorazioni di Serbia e Jugoslavia dal 1859 al 1941, pubblicato dalla prestigiosa Verlag Militaria da Vienna. Ha scritto inoltre diversi articoli sul tema per varie pubblicazioni nazionali ed estere.
Pavel Car (Ljubljana, 1959) je končal študij računalništva na Fakulteti za elektrotehniko v Ljubljani. Z zbiranjem odlikovanj in preučevanjem zgodovine se ukvarja že od konca srednje šole. Njegovo ožje področje so odlikovanja in uniforme Kraljevine Srbije in Jugoslavije ter Austro-orgske monarhije. Trenutno je študent doktorskega študija na Filozofski fakulteti v Ljubljani, smer zgodovina. Predmet njegove doktorske disertacije so seveda odlikovanja. Skupaj s soavtorjem Tomislavom Muhićem iz Zagreba je napisal knjigo Odlikovanja Srbije in Jugoslavije od 1859 do 1941, ki je izšla pri prestižni dunajski založbi Verlag Militaria. Razen tega je na temo odlikovanj napisal več člankov, ki so bili objavljeni v različnih domačih in tujih publikacijah.

Marco Mantini (Gorizia, 1966) collabora con diversi enti e associazioni italiane e slovene nell’ambito della ricerca storica e del recupero della memoria e del materiale del Primo conflitto mondiale sul fronte isontino. In campo editoriale ha pubblicato per i tipi della Gaspari Editore diverse guide storico-escursionistiche e saggi storici.
Marco Mantini (Gorica, 1966) sodeluje z različnimi italijanskimi in slovenskimi ustanovami in združenji s področja zgodovinskih raziskav, zbirnja pričevanj in predmetov s soške fronte iz časa prve svetovne vojne. Za Gaspari Editore je objavil več zgodovinsko-ekskurzionističnih vodičev in zgodovnskih razprav.

Roberto Todero (Trieste, 1950) ricercatore storico, studioso della Prima Guerra Mondiale, animatore culturale, collezionista, esperto di uniformologia e storia asburgica è autore di diversi volumi legati alla storia e alle tradizioni dell’esercito austro-ungarico con particolare riguardo alla storia dei militari austriaci di lingua italiana. Collabora con svariate associazioni ed istituzioni italiane ed estere ed è socio fondatore della Associazione Culturale F. Zenobi. Conferenziere e conduttore di serate tematiche, ha partecipato o organizzato mostre in Italia e all’estero tra le quali le recenti “Trieste, guarnigione della belle époque 1883 - 1914” e “Balcani – Galizia 100 anni, scena prima”. Per il suo impegno sulla memoria è stato insignito nel 2010 della Ehrenkreuz da parte della Croce Nera d’Austria e dal 2012 è nell’elenco degli Esperti sui Siti della Grande Guerra riconosciuti con apposita legge regionale. Attualmente impegnato nella mostra quinquennale “Uno sguardo dal Litorale – Pogled s Primorja 2014 – 2018”.
Roberto Todero (Trieste, 1950) je raziskovalec zgodovine, še posebno prve svetovne vojne, kulturni animator, zbiratelj, strokovnjak za habsburške uniforme in zgodovino. Je avtor več publikacij na temo avstro-ogrske zgodivine in tradicije, s posebnim poudarkom na zgodovini italijansko govorečih avstrijskih vojakov. Sodeluje z raznimi italijanskimi in tujimi združenji in ustnovami in je ustanovitelj Kulturnega združenja F. Zenobi. Nastopa na konferncah in srečanjih z omenjeno tematiko. Organiziral ali sodeloval je na razstavah v Italiji in v tujini. Med novejšimi so: “Trieste, guarnigione della belle époque 1883 - 1914” in “Balcani-Galizia 100 anni, scena prima”. Za svoje delo je leta 2010 prejel Ehrenkreuz avstrijske organizacije Črni križ in leta 2012 bil uvrščen na deželni seznam strokovnjakov za prvo svetovno vojno. Trenutno se ukvarja z razstavo “Uno sguardo dal Litorale – Pogled s Primorja 2014 – 2018”.


martedì 30 ottobre 2018

Il Duino&book - Festival del Libro della Grande Guerra, mercoledì 31 ottobre

Il Duino&book - Festival del Libro della Grande Guerra, mercoledì 31 ottobre si sposta nella sala Bobi Blazen, Palazzo Gopcevich in via Rossini 4 per un evento in collaborazione con il Comune di Trieste.

Dalle 17.30, con la moderazione di Massimo Romita, Lorenzo Salimbeni parlerà de “La questione adriatica e il nuovo confine orientale italiano”.
A seguire “L’Italia e la questione ungherese durante la conferenza della Pace di Parigi (1918/1920)”, con Balazs Juhasz.


lunedì 29 ottobre 2018

Secondo giorno! Duino&book - Festival della Grande Guerra all'ITIS in via Pascoli - presentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema

Oggi vi aspettiamo alle 17 all’iris in via Pascoli A Trieste!

Anche domani 30 ottobre però ci saranno presentazioni e incontri, sempre nell’auditorium dell’ITIS, nell’ambito del Duino&book. Festival del libro della Grande Guerra, del Gruppo Ermada Flavio Vidonis.

Il programma di domani 30 ottobre:

17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Mauro Depetroni
17:30 “Ricordi de Famiglia de la Prima Guera Mondiale”, Gruppo di Recitazione Dialettale dell’Università della Terza età, a cura di Romana Olivo.
18:30 “Le Cavità artificiali e le grotte usate per scopi bellici della valle dello Judrio nella Grande Guerra” di Marco Meneghini, presentato da Maurizio Tavagnutti.
19:00 Elisabetta Rigotti presenta “Mestieri del passato di Trieste e dintorni”, un viaggio alla scoperta dei mestieri della Prima Guerra Mondiale, con Francesco De Giuseppe ed Enzo Succhielli.



 

domenica 28 ottobre 2018

Duino&book - Festival della Grande Guerra all'ITIS in via Pascoli - presentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema

Lunedì 29 e martedì 30 dalle 17:00 con il Duino&Book Festival del Libro della Grande Guerra del Gruppo Ermada Flavio Vidonis, nell’auditorium dell’A.S.P. Itis, in via Pascoli 31 a Trieste, presentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. 

La giornata di lunedì 29 sarà moderata da Daniele Vogrig.

Questo il programma:

17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Massimo Romita. 
17:30 Francesco Zardini presenta il saggio illustrato “Assi e leggende della Grande Guerra”, illustrazioni a opera di Luca Vergerio, testi di Francesco Zardini e Carlo Bazan.
18:00 Marco Pascoli presenta “La Battaglia fra Madrisio e San Paolo al Tagliamento”Gaspari Editore.
18:30 Marco Nocella presenta “I ragazzi del ‘99”, Atlantide Editore, dialogherà con Daniele Vogrig. 
19:00 Laura Antonini e Stefano Bartoli, insieme a Diego Manna, presentano “L’amor ai tempi del Refosco”, Bora.La.



sabato 27 ottobre 2018

Camminata tra gli Olivi - Festival del Libro della Grande Guerra


Domenica 28 OTTOBRE 2018 – DALLE 08.30 ALLE 10.00, è prevista un’escursione sui luoghi della Grande Guerra.  

“LA CAMMINATA TRA GLI OLIVI”, 

promossa dalla Rete Landa Carsica e dal Comune di Duino Aurisina, anche questo evento è inserito nell’ambito del Duino&book. Festival del libro della Grande Guerra, del Gruppo Ermada Flavio Vidonis.

Ritrovo presso la Chiesa di San Giovanni Battista per la registrazione e partenza (Parcheggio vicino alla Chiesa di San Giovanni in Tuba)

1 tappa Sagrato della Chiesa – ritrovo e partenza (caffè e the)

2 tappa Uliveto Farma Jakne (San Giovanni ) assaggio olio

3 tappa Uliveto Azienda Finotto (Medeazza) assaggio olio

4 tappa Trattoria Da Pino (Medeazza) tappa ristoro con prodotti tipici

5 tappa Uliveto Milos Cotar (Medeazza/San Giovanni) assaggio olio

Rientro percorso Alpe Adria Trail e ristoro a San Giovanni



venerdì 26 ottobre 2018

L’ESERCITO UNGHERESE Esperienze a confronto a cent’anni della Grande Guerra - Duino&book

Domani pomeriggio, nell'ambito del Duino&book - Festival del Libro della Grande Guerra, alle 17.00, nella Biblioteca del Villaggio del Pescatore (Duino), ci sarà la conferenza “L’ESERCITO UNGHERESE Esperienze a confronto a cent’anni della Grande Guerra”. Per l’occasione interverranno Rinaldo Stadi, Presidente del Gruppo Speleologico Flondar, Gianfranco Simonit, Vice Presidente del Gruppo Speleologico del Carso, Tamás Pintér, Norbert Stencinger e Rózsafi János della Fondazione Grande Guerra Nagy Haboriu (Budapest, Ungheria).

Al termine ci sarà una visita guidata del Minimuseo del Villaggio del Pescatore.


martedì 23 ottobre 2018

“I Bambini della Grande Guerra” di Alessandro Bettero - Tra gli eventi del Duino&book

La Pro Loco Fogliano Redipuglia è entusiasta nel presentare venerdì 26 ottobre 2018 presso la Regia Stazione di Redipuglia, in prima visione, il Documentario “I Bambini della Grande Guerra” di Alessandro Bettero, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia di quest’anno.
 Centenari e ultracentenari, e i figli dei soldati. Sono gli ultimi testimoni della Prima Guerra mondiale combattuta sul fronte italiano. Vissero la guerra in casa, dall’Isonzo all’Adige quando l’Italia Nord orientale era contemporaneamente un campo di battaglia e un territorio abitato. Famiglie intere, spesso imparentate tra loro, si ritrovarono involontariamente nemiche su fronti opposti. Da una parte: italiani, francesi, inglesi, americani e cecoslovacchi. Dall’altra: austriaci, tedeschi e ungheresi. Questa è l’unica storia al mondo della Grande Guerra raccontata dagli ultimi superstiti: i bambini di allora.
La guerra rappresentò per questi bambini l’opportunità di assaggiare la marmellata degli inglesi, di procurare le lumache ai francesi, di veder volare il dirigibile Zeppelin, di conoscere D’Annunzio ed Hemingway, di assistere alla violenza e alle atrocità della guerra, di sopravvivere alla terribile influenza “spagnola”. Ma anche di sperimentare la fame e la sofferenza, la rabbia e la morte, la speranza e il riscatto e, finalmente, la pace. Un’epopea in cui spicca l’eroismo delle donne.
Nell’anno del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, sono questi bambini a raccontare senza mediazioni narrative, senza voice-over, quel capitolo decisivo della nostra storia, qui suddiviso in “cinque atti”: la vita prima della guerra, la guerra in casa e i padri al fronte, Caporetto e la ritirata, la vittoria, le speranze tradite.

Il documentario è arricchito da filmati e foto d’epoca ritrovati negli archivi di tutto il mondo, da re-enactment storico, e con la voce originale del discorso della vittoria del generale Diaz.
Immagini del Viaggio nella Memoria Redipuglia- Caporetto ,riprese nel 2015 durante l’evento di novembre,
rendono ancor più suggestive le ambientazioni e dettagli storico-culturali.
Frutto di un lavoro capillare e certosino durato alcuni anni, questo film è la testimonianza irripetibile e introvabile di un pezzo di storia che ora appartiene alla memoria collettiva dell’Italia, ma anche dell’Europa e del mondo. Durante e dopo le registrazioni delle loro testimonianze, i “Bambini” sono quasi tutti scomparsi. Dei loro drammi, della loro vita, delle loro memorie è rimasto questo film. La loro ultima e consapevole eredità, preziosa per noi e per chi verrà dopo di noi. Una sessantina di storie personali e familiari che nessun libro ha mai raccontato, e mai potrà raccontare. Un monito per noi e per le generazioni future. Un messaggio, senza tempo, di pace e di tolleranza.
Posti gratuiti limitati su prenotazione allo 0481 489139     346 1761913 o via mail a info@prolocofoglianoredipuglia.it.


L'evento è inserito nel programma del Festival del Libro della Grande Guerra - Duino&book.

lunedì 22 ottobre 2018

L’Ammiraglio Romano Sauro nel Comune di Duino Aurisina - Evento che si colloca nel Festival del Libro della Grande Guerra

La Pro Loco Mitreo, in collaborazione con la Lega Nazionale e sotto l'egida del Comune di Duino Aurisina, ha organizzato due incontri con l'Ammiraglio Romano Sauro, nell’ambito del suo progetto“Sauro 100, un viaggio in barca a vela per 100 porti per 100 anni di storia”.
Il primo appuntamento, ad ingresso libero,  è fissato per martedì 23 ottobre p.v. alle ore 17.30, presso il bar "Ai Sportivi" di Borgo San Mauro (Frazione Sistiana 126), grazie alla disponibilità delle signore Edda e Maria Jurissevich.


L'Ammiraglio Sauro presenterà il suo libro "Nazario Sauro. Storia di un marinaio" e parlerà della sua iniziativa intitolata "Sauro 100, un viaggio in barca a vela , 100 porti per 100 anni di Storia.
L’evento si colloca nell’ambito delle iniziative promosse dal V Festival del Libro della Grande Guerra – Duino&Book.
Il secondo appuntamento, è fissato per mercoledì 24 ottobre p.v. alle ore 10.00, presso la Scuola Media "Carlo de Marchesetti" per un incontro con gli studenti delle scuole. In precedenza, alle ore 9.30, l'Ammiraglio Sauro incontrerà , nella Sala del Consiglio Comunale a Duino Aurisina, il Sindaco signora Daniela Pallotta .

giovedì 18 ottobre 2018

Duino&book - Festival del libro della Grande Guerra - Programma 2018


Duino&book
Festival del libro della Grande Guerra
Edizione 2018 – Programma

Giovedì 11 ottobre
Ore 15.00 Presentazione in anteprima del calendario degli eventi, con il Sindaco di Duino Daniela Pallotta e Massimo Romita, Assessore al Turismo.
Barcolana 50 – Trieste.


Sabato 13 ottobre
Ore 11.00 Inaugurazione mostra “ERMADA 1914-1918 VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE”. La mostra sarà visitabile fino al 6 gen- naio 2019. info: 040 208120 www.castellodiduino.it
Castello di Duino.


Giovedì 18 ottobre
Ore 17.00 Inaugurazione mostra “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE” La mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio 2019.
Civico Museo della Guerra per la Pace Diego De Henriquez di Via Cumano a Trieste, a cura sempre del Gruppo Ermada e del Comune di Trieste. Tel 040 6754699 www.museodiegodehenriquez.it


Venerdì 19 ottobre
Ore 10.00 Presentazione nazionale del Duino&Book Festival del Libro della Grande Guerra. www.pianadelleorme.com
Museo “Piana delle Orme” - Pontinia (LT).


Martedì 23 ottobre
Ore 17.30 Presentazione del progetto “Sauro100” dell’Ammiraglio Romano Sauro, nipote dell’eroe nazionale Nazario Sauro. Un pro- getto che lo ha visto impegnato in un viaggio lungo due anni per commemorare il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Nell’occasione sarà presentato il libro “Nazario Sauro, storia di un marinaio”. La serata sarà curata dalla Lega Nazionale di Trieste e dalla Pro Loco Mitreo.
Bar Ai sportivi di Borgo San Mauro di Sistiana.

Venerdì 26 ottobre
Ore 18.30 Presentazione del film “I Bambini della Grande Guerra” di Alessandro Bettero. L’evento è promosso dalla Pro Loco Fogliano Redipuglia. www.prolocofoglianoredipuglia.it
Museo della Stazione di Redipuglia.


Sabato 27 ottobre
A partire dalle 9.00 Scopritura targa a ricordo delle vittime Civili e Militari della Guerra 1914-1918, a cura del Comune di Duino Auri- sina/Obcina Devin Nabrezina e gli Amici della Croce Nera Austriaca. Municipio di Aurisina.
Ore 17.00 Conferenza “L’ESERCITO UNGHERESE Esperienze a confronto a cent’anni della Grande Guerra”. Per l’occasione in- terverranno Rinaldo Stadi, Presidente del Gruppo Speleologico Flon- dar, Gianfranco Simonit, Vice Presidente del Gruppo Speleologico del Carso, Tamás Pintér, Norbert Stencinger e Rózsafi János della Fondazione Grande Guerra Nagy Haboriu (Budapest, Ungheria). Al termine è prevista una visita guidata del Minimuseo del Villaggio del Pescatore. nagyhaboru.blog.hu
Biblioteca del Villaggio del Pescatore.

Domenica 28 ottobre
Ore 08.30 Un’escursione sui luoghi della Grande Guerra ESCUR- SIONE SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA - “LA CAMMINATA TRA GLI OLIVI”, promossa dalla Rete Landa Carsica e dal Comune di Duino Aurisina. Ritrovo presso la Chiesa di San Giovanni Battista, a San Giovanni di Duino. www.camminatatragliolivi.it

Lunedì 29 ottobre
Dalle 17:00, Duino&Book Festival del Libro della Grande Guerra, pre- sentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. Modera la giornata Daniele Vogrig.
17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Massimo Romita. 17:30 Francesco Zardini presenta il saggio illustrato Assi e leggende della Grande Guerra; illustrazioni a opera di Luca Vergerio, testi di Francesco Zardini e Carlo Bazan.
18:00 Marco Pascoli presenta “La Battaglia fra Madrisio e San Paolo al Tagliamento”, Gaspari Editore.
18:30 Marco Nocella presenta “I ragazzi del ‘99”, Atlantide Editore, dialogherà con Daniele Vogrig.

19:00 Laura Antonini e Stefano Bartoli “L’amor ai tempi del Refos- co”, Bora.La, presentato da Diego Manna.
Auditorium A.S.P. ITIS - Via Pascoli 31

Martedì 30 ottobre
Dalle 17:00 Duino&Book Festival del Libro della Grande guerra, pre- sentazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema. Modera la giornata Mauro Depetroni.
17:00 Apertura manifestazione con prefazione di Mauro Depetroni. 17:30 “Ricordi de Famiglia de la Prima Guera Mondiale”. Gruppo di Recitazione Dialettale dell’università della Terza età, a cura di Romana Olivo.

18:30 “Le Cavità artificiali e le grotte usate per scopi bellici della valle dello Judrio nella Grande Guerra” di Marco Meneghini, presen- tato da Maurizio Tavagnutti.
19:00 Elisabetta Rigotti presenta “Mestieri del passato di Trieste e dintorni”, un viaggio alla scoperta dei mestieri della Prima Guerra Mondiale, con Francesco De Giuseppe ed Enzo Succhielli.

Auditorium A.S.P. ITIS - Via Pascoli 31
Mercoledì 31 ottobre
Dalle 17.30 Incontro su “La questione adriatica e il nuovo confine orientale italiano” con Lorenzo Salimbeni.
“L’Italia e la questione ungherese durante la conferenza della Pace di Parigi (1918/1920)” con Balazs Juhasz.

Modera Massimo Romita.
Sala Bobi Blazen, Palazzo Gopcevich in via Rossini 4 - Trieste In collaborazione con il Comune di Trieste.


Sabato 3 novembre
Alle 17.00 Presentazione del libro “Boros Istvan. Memorie della Guerra 1914/1918” con Halmagyi Pal e Gianfranco Simonit, del Gruppo San Mar- tino del Carso. www.museosanmartinodelcarso.it
San Martino del Carso a Sagrado.


Domenica 18 novembre
Dalle 11.00 Convegno di chiusura della mostra “Uno sguardo dal lito- rale”, al quale parteciperanno studiosi italiani, austriaci e sloveni. Tema: la memoria vista attraverso i cimiteri e il ricordo di quei soldati. Associ- azione Culturale Zenobi, con la moderazione di Roberto Todero. Bagnoli della Rosandra. www.zenobionline.com

Sabato 24 novembre
Dalle 17.00 Duino&Book Festival del Libro della Grande guerra, presen- tazioni, conferenze, incontri ed eventi a tema.
Modera la giornata Mauro Depetroni. Riflessioni sul Centenario della Grande guerra. Mauro Depetroni dialoga con Stefano Gambarotto e gli autori della ES Editore, Silvo Stock e altri protagonisti del mondo asso- ciativo culturale storico.

Auditorium del Salone degli Incanti nell’ambito di Triesteantiqua. www.triesteantiqua.it.

Mercoledì 28 novembre
Dalle 17.00 L’ultimo appuntamento con il Duino&Book, Festival del Li- bro della Grande guerra, sarà dedicato al sociale con il grande appunta- mento dedicato al Libro Parlato Lions, il Service nazionale dei Lions Club. Auditorium del Salone degli Incanti nell’ambito di Triesteantiqua. www.triesteantiqua.it.


Sabato 1 dicembre
Dalle 20.30 CONCERTO PER LA PACE in ricordo della fine della Grande Guerra. 
Il concerto sarà eseguito dall'Orchestra sinfonica del Conservatorio di musica "Giuseppe Tartini" di Trieste, diretta dal maestro Romolo Gessi. Sarà eseguita per la prima volta l'inedita composizione "Inno alla Pace" composto da un ufficiale asburgico di Trieste l'on. Josef Pangherz nel 1922.
Entrata su invito da richiedere al seguente indirizzo info@mitteleuropa-institute.org. Per info: 
www.mitteleuropa-institute.org

Palazzo delle Poste in Piazza Vittorio Veneto - Trieste



martedì 16 ottobre 2018

Voci di guerra in tempo di pace. Ermada 1914 1918" al Castello di Duino fino al 6 gennaio 2019

La mostra "Voci di guerra in tempo di pace. Ermada 1914 1918" al Castello di Duino, l'ultima in ordine di tempo del percorso storico culturale iniziato nel 2011,  è principalmente la presentazione del lavoro di recupero, ripristino e di valorizzazione dei manufatti riconducibili alla Prima guerra mondiale presenti sull'Ermada. Il Monte Ermada si trova oggi nella parte nord occidentale della provincia di Trieste nel territorio del comune di Duino Aurisina, mentre le sue propaggini orientali sono in territorio sloveno.

L’Ermada, ultimo baluardo dell’Imperial Regio Esercito Austro Ungarico sulla strada per Trieste, costituì durante il primo conflitto mondiale un insuperabile obiettivo militare, contro il quale si infransero senza successo gli assalti dei soldati italiani. L’esercito austro-ungarico, organizzato sulla difensiva, lo aveva trasformato in una fortezza munita di ricoveri sotterranei e armata di artiglierie occultate agli occhi dell’avversario. Nell’arco temporale che viene periodizzato dal 1914 all’autunno 1917, le popolazioni autoctone subirono privazioni e dovettero abbandonare i propri nuclei abitati e le zone di produzione agricola per far spazio all’insediamento di opere militari difensive che, di fatto, divennero un’insormontabile linea di fronte mai conquistata o superata dalle truppe italiane. L’area oggi si presenta ricca di testimonianze “immobili” dei fatti, negli ultimi anni recuperate e riportate alla luce da un gruppo di volontari.

Molte di queste strutture, grazie al lavoro infaticabile dei volontari della Società Alpina delle Giulie, pur a distanza di quasi cent’anni, e nonostante l’incuria della natura e del tempo, sono ritornati alla luce.









La mostra vuole rendere visibile il risultato di questo lavoro, così come quelli dei progetti di riqualificazione delle trincee e della raccolta delle testimonianze della Grande Guerra nel territorio di Duino Aurisina e non solo.



Negli oltre 60 pannelli fotografici che compongono la mostra in Castello di Duino ci sono immagini dell’epoca strettamente legate al territorio comprendente l’area di Duino Aurisina in particolare sull’Ermada durante la Grande Guerra:

Il territorio e le fortificazioni sull’Ermada;

I lavori di ripristino dell’Alpina delle Giulie Gruppo Cavità;

Le grotte della Grande Guerra;

I luoghi di sepoltura dei soldati caduti sull’Ermada presenti nella Provincia di Trieste;

I percorsi tematici della Grande Guerra nel Friuli Venezia Giulia, collegati alle dodici battaglie dell’Isonzo. 

Nelle bacheche, invece, verranno presentati: Reperti rinvenuti durante gli scavi che in parte sono riferiti alla vita quotidiana del soldato, come gavette e stoviglie, in parte riferiti agli strumenti di guerra come le armi e le bombe ed in infine le attrezzature di protezione come gli elmetti.

La mostra Voci di Guerra in Tempo di Pace è in contemporanea alla mostra "Isonzo, le dodici battaglie” dal 19 ottobre al Museo della guerra per la pace "Diego de Henriquez" ed è inserita nel calendario degli eventi del Duino&book. Festival del libro della Grande Guerra, a cura del Gruppo Ermada Flavio Vidonis.

sabato 13 ottobre 2018

Isonzo, le dodici battaglie

Dal 19 ottobre al Museo della guerra per la pace "Diego de Henriquez"

La mostra dal titolo "ISONZO LE DODICI BATTAGLIE", che ha toccato importanti città italiane ed europee è curata dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina Nei pannelli espositivi troviamo una presentazione del territorio teatro degli eventi e un’attenta cronologia delle battaglie dell'Isonzo che è stata sviluppata grazie al contributo del Dr. Stefano Gambarotto Presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso, corredata da immagini d’epoca riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dallo stesso Istituto e da numerosi cultori della materia. In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l'Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto.

L'esposizione è arricchita da tre diorami in scala realizzato da Aureliano Barnaba e Pasquale Durante raffiguranti l'Area dell'Ermada, l'Area delle prime undici battaglie, e la riproduzione dell'area dello Skoda a Ceroglie. Oggi, a distanza di cento anni, in "tempo di pace", è importante non perdere la memoria della sofferenza di tutti quei soldati dell'una e dell'altra parte che, dopo avere abbandonato le famiglie e gli affetti, si trovarono a vivere e morire in condizioni oggi difficilmente concepibili. Mostre come questa costituiscono un'occasione per riascoltare queste “voci” del passato e percepirne il messaggio, per noi e per le generazioni future. In quest'ottica è significativo che il progetto e la mostra nascano in una "terra di frontiera" come il Friuli Venezia Giulia e siano realizzati grazie al contributo di una rete di realtà diverse. Vogliamo essere parte attiva in questo processo di integrazione tra differenti realtà e culture, contribuendo a consolidare e a infondere in tutti, in particolare nei giovani, l’importante concetto che tutti siamo cittadini d’Europa.

La mostra è inserita nel Duino&book il 5° Festival del libro della Grande Guerra. In occasione dei cent’anni della fine del primo conflitto mondiale torna il Festival del Libro della Grande Guerra, una quinta edizione itinerante tra alcune delle Città del Friuli Venezia Giulia, scenario del tragico conflitto mondiale. Un programma che in quasi due mesi di iniziative vedrà la presentazione libri, filmati, conferenze, escursioni, mostre e tavole rotonde dedicate alle vicende della Grande Guerra che hanno coinvolto pesantemente i territori oggi Friuli Venezia Giulia. Grazie a una consolidata rete di realtà nazionali e internazionali che hanno in questi cinque anni collaborato con il Gruppo Ermada Flavio Vidonis, l’edizione 2018 del Festival si arricchirà di presenze e ospiti che attraverso la loro esperienza e conoscenza racconteranno le vicende del Primo Conflitto Mondiale.